Il Blog che vale
La pagina delle informazioni e delle idee che hanno valore
Cloud Computing1
Culturale 
di Daniela Saitta  
31/03/2015, 02:17

pattini, citt, comune, palestra, bisogno, cittadinanza, bambini, sport,



PIL-sono-i-ragazzi-che-hanno-messo-le-ruote-alla-città


 La storia dei ragazzi di PIL nasce nel 2009, oggi sono una realtà consolidata. I genitori: \\\"Per i nostri figli è un appuntamento a cui non si può mancare\\\".



Era il 2009, il Kyano Spyna non aveva ancora cambiato le abitudini della movida paternese, piazza Santa Barbara non era ancora quella che oggi è possibile vivere il sabato sera. Il centro storico spegneva le luci subito dopo la chiusura dei negozi e, possiamo anche dirlo, nessun buon proposito della politica paternese era ancora riuscito nel tanto millantato obiettivo di "rivalutare il centro storico". 

Oggi tutto è cambiato ma, da destra a sinistra, non è di certo merito dell’iniziativa politica se questo è avvenuto. Se gruppi di giovani e adulti insieme riscoprono il piacere di vivere la città anche dopo le 21 e nei weekend è grazie al coraggio di alcuni imprenditori ed alle idee di giovani volenterosi. 

Era insomma il 2009 ed un gruppo di giovani paternesi, capitanati dai cugini Giuseppe Sapia e Luca Corsaro, capirono che poteva esserci un modo diverso di vivere la città anche di notte, un modo che doveva e poteva partire proprio dalle piccole cose come appunto "passeggiare insieme". Una passeggiata tra amici in bici, coi pattini o a piedi, l’importante per i cugini "PIL" - così ribattezzati dall’acronimo di "Paternò in Linea" - era stare insieme per le strade, di nuovo per le strade della città. 

I fatti raccontano che a quelle passeggiate si unirono poi centinaia di giovani che iniziarono a scandire le settimane estive del calendario cittadino illuminando le strade del centro storico ogni giovedì notte e ridando voce, cuore e gioia alla notte paternese. 

A noi sembra riduttivo pensare che la capacità di Luca e Giuseppe fu solo quella di aggregare tantissime persone in pochi mesi o di riportare in auge uno sport non molto praticato come era il pattinaggio. Ci sembra riduttivo definirla solo associazione sportiva. A noi, invece, sembra dovuto dar loro il merito di aver saputo ascoltare la città, intuirne un bisogno e soddisfarlo, rispondendo in modo efficace, veloce e soprattutto "gratuito" ad una richiesta semplice, ad un pensiero quasi scontato ma non ovvio: "Poter restare qui".

Oggi PIL è cresciuto ed molto di più di un’idea. Gli appuntamenti settimanali sono i più attesi della stagione primaverile, il gruppo si è trasformato in associazione, partecipa ad eventi importanti come la "Corri Catania" ed uno staff di volontari ha attivato anche un corso per insegnare ai più piccoli a pattinare. E’ proprio in questo contesto che abbiamo incontrato il nostro amico Giuseppe alle prese con bambini e genitori nella palestra della scuola elementare di via Libertà dove i PIL da quest’anno si allenano, o meglio si incontrano, ogni lunedì e giovedì sera anche in inverno. E con lui abbiamo conosciuto Vanessa Grasso e Riccardo Bonaccorso, i genitori di tre splendidi bambini, neo pattinatori grazie a PIL.

 

"Noi portiamo qui tutti e tre i nostri figli ogni lunedì e per loro è ormai l’appuntamento più atteso della settimana - ci racconta mamma Vanessa -. Crediamo sia utile avvicinarli ad una disciplina sportiva diversa ed i loro progressi testimoniano un entusiasmo particolare che ci tranquilizza e ci rasserena. Qui imparano a sviluppare una sana competizione ed è occasione per socializzare con amici vecchi e nuovi. I ragazzi di PIL ci dimostrano di essere guide serie e professionali e a noi piace che i bambini passino del tempo con loro". 

Per PIL comunque non è stato sempre facile. Oggi possono finalmente allenarsi ed organizzare i loro appuntamenti in una struttura coperta, per la quale pagano un affitto al Comune di Paternò ma questo non basta perché - come ci racconta papà Riccardo - mancano alcuni servizi importanti: "Questa realtà meriterebbe più attenzione da parte del Comune - ci dice - il tempo a disposizione dei bambini è poco e lo spazio non è sufficientemente grande. Spesso ci siamo ritrovati noi genitori a dover pulire la struttura pur di far giocare i bambini e stare più sereni". 

Spesso, come abbiamo sottolineato, sono i cittadini a fare la differenza e, concludendo, ne vogliamo raccontare una di differenza. Mentre i ragazzi di PIL usufriscono di una palestra "non sufficientemente grande" e non "abbastanza pulita" pur pagando l’affitto all’Amministrazione paternese, ci sono invece associazioni che utilizzano Palazzi storici in pieno centro senza pagare nessun affitto.  

 


1
Create a website