Il Blog che vale
La pagina delle informazioni e delle idee che hanno valore
Cloud Computing1
Culturale 
di Daniela Saitta  
09/07/2015, 01:05

ospedale, bambini, donazioni, cure, tumori, oncologia, mario biondi,



Nuova-oncologia-pediatrica-del-Policlinico-di-Catania---Un-restyling-a-suon-di-"musica"


 Al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania è stato inaugurato qualche giorno fa il restyling del nuovo reparto di Oncologia pediatrica. Il Blog che Vale vi mostra le nuove stanze del reparto e vi racconta la "raccolta fondi" a suon di musica.



Al Policlinico Vittorio Emanuele di Catania inaugurato il restyling del nuovo reparto di Oncologia pediatrica. Un ambiente nuovo e dinamico, in grado di accogliere, "curare e prendersi cura" dei bambini affetti da malattie oncologiche e delle loro famiglie. Un nuovo angolo di assistenza, studiato ad hoc per stemperare il trauma personale e familiare dovuto alla diagnosi delle malattie oncologiche in età pediatrica. 

IL VIDEO DELLA VISITA IN REPARTO 

Noi del Blog che Vale abbiamo fatto un giro tra le stanze che proprio in questi giorni dovranno accogliere di nuovo i piccoli pazienti del reparto e ad accompagnarci - come vedrete nel video che abbiamo realizzato insieme a Daniela Saitta - è stata la dott.ssa Cinzia Favara Scacco, psicologa e presidente della LAD onlus, l’associazione dalla quale prende il nome il progetto di ristrutturazione "LAD project".

A farla da padrona al 4^ piano del padiglione 4 del Policlinico catanese un’ampia e luminosa vetrata (donata - ci spiegano - da Unicredit) che accoglie i pazienti in uno spazio del tutto nuovo. Verde, arancione e giallo sono i colori del reparto che non ha angoli, solo forme rotonde e colori vivaci per un ambiente in cui i bambini non dovranno solo essere curati ma anche accolti ed ascoltati. Anche per questo è addirittura stata pensata una redazione giornalistica dove - si augura la dott.ssa Favara: "I ragazzi più grandi potranno magari creare il loro giornale, uno strumento di comunicazione che potranno usare sia per comunicare con l’esterno, sia con le altre realtà simili alla loro. Un modo diverso di usare la scrittura come arte terapeutica".

Il reparto catanese, l’unico della Sicilia orientale (sono solo due infatti i reparti di oncologia pediatrica in Sicilia, l’altro è quello dell’Arnas Civico di Palermo), assiste circa 50 nuovi pazienti all’anno, purtroppo, un dato tristemente in aumento rispetto agli anni precedenti. In totale, sono circa 600 i bambini in cura nel reparto. Quello che si registra però è un aumento dei pazienti che scelgono di rimanere in Sicilia per farsi curare. 

"La migrazione sanitaria diminuisce sempre di più -  ci racconta infatti il primario del reparto, la prof.ssa Giovanna Russo - noi riusciamo ad offrire ai bambini le stesse cure che potrebbero trovare altrove, una migliore qualità delle prestazioni ed una assistenza qualificata ed efficiente che ha permesso a molte famiglie di non affrontare ulteriori disagi legati agli spostamenti per le cure". 

Il progetto di ristrutturazione rientra proprio in questa visione complessiva che ritiene di dover offrire modelli di assistenza più efficienti ed innovativi. Ed è da qui che, grazie ad una operazione di raccolta fondi che ha coinvolto gran parte delle istituzioni politiche e sociali della città in pieno stile found-raising, tutto ha avuto inizio.  

"Il punto fondamentale è che LAD - ci ha spiegato il presidente - non solo sostiene il bambino piccolo e l’adolescente ma anche i loro genitori. Il ricovero in reparto onco-ematologico, purtroppo, è spesso abbastanza lungo e ai bambini non è consentito a volte nemmeno di poter uscire, almeno fino a quando la fase di pericolo non è del tutto passata. Per noi - continua la dott.ssa Favara - Cure & Care è un principio fondamentale, l’idea è quella di curare i nostri pazienti, prendendoci cura anche delle loro famiglie". 

Un presupposto innovativo nato grazie anche alla collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Catania e ad una importante partecipazione degli stakeholders, ovvero i cosiddetti portatori d’interesse. Un progetto con il quale non solo si è riusciti a consegnare alla città e al sistema sanitario - in bilico ricordiamo tra riforme nuove e vecchie, fondi mal destinati e scandali imbarazzanti - una nuova ed efficiente realtà ospedaliera e assistenziale ma che ha anche fornito, come raramente prima d’ora, un interessantissimo esempio di collaborazione sinergica tra pubblico e privato. 

Due, infatti, gli eventi più importanti andanti in scena per la racconta delle donazioni destinate al progetto di ristrutturazione: il Lad Live, ovvero il concerto music and care che ha visto la partecipazione gratuita dei cantanti più famosi dalla città (Carmen Consoli e Mario Biondi compresi) e Lad Dinner, la cena di raccolta fondi tenutasi a Palazzo Biscari che ha avuto come camerieri e cuochi d’eccezione tutti gli amministratori pubblici della città (compreso il Sindaco Enzo Bianco con grembiule e posate).  



   
  


1
Create a website